By using our service you accept the use of cookies.
Salvatore FIUME

Salvatore FIUME

1915–1997, Italy

Name Salvatore FIUME
Birth 1915, Italy
Died 1997, 3/6, Italy

Born in Comiso, Sicily, in 1915, Salvatore Fiume was a painter, sculptor, architect, writer, and stage designer. At age sixteen, he won a scolarship to the Royal Institute for the Book Illustration in Urbino, northern Italy, from where, after finishing his studies, he went to Milan in 1936. There, he became friends with several important writers, including Salvatore Quasimodo, the Sicilian poet who gained the Nobel Prize in 1959, Dino Buzzati, and Raffaele Carrieri. In Milan Fiume wanted to make a career as a painter, however his first success came in the literary field following the publication in 1943 of his autobiographical novel Viva Gioconda! (Hurrah for Gioconda!) written during the Second World War.
A few years before that, he had moved to Ivrea with his wife Ines and son Luciano to become art director of the Olivetti cultural magazine which was particularly close to the heart of chairman Adriano Olivetti. Wanting to be a full-time artist, in 1946 Fiume left Olivetti and moved to the little town of Canzo, 50 km north of Milan, where he settled in a huge 19th Century spinning-mill which was to become his home and atelier for the rest of his life.
His first exhibition, in 1949, was in Milan at the Galleria Borromini where his Islands of Statues attracted the attention of the critics and these paintings soon became known throughout the art community. On that occasion Mr Alfred H.Barr Jr., director of the Museum of Modern Art of New York, acquired the Isola di Statue now in the collections of that museum. This was followed by an invitation from the Biennale of Venice in 1950, where Fiume exhibited his large triptych Isola di Statue, now in the Contemporary Art section of the Vatican Museum, while the New York based Life and Times magazines purchased a series of Fiume's island-of-statues interpretations of the history of Manhattan for their headquarters.
Requested in 1949 by the enlightened industrialist Bruno Buitoni Sr. to illustrate "the adventures, misfortunes, and glories" of the old city of Perugia, Fiume completed between 1949 and 1952 ten large paintings inspired from Italian Quattrocento masters like Piero della Francesca and Paolo Uccello. Following a donation in 1998 to the
Regione Umbria, the collection was moved to Palazzo Donini, its 15th Century prestigious head office in Perugia, where now the 'Sala Fiume' is open to the public.
In 1950 the distinguished Italian architect Gio Ponti, who was in charge for the interior decorations of the Andrea Doria liner under construction in Genova at that time, asked Fiume to paint a huge canvas (450x9 ft) to be affixed to the walls surrounding the first class banquet hall. In that painting, which took him over one year to finish, Fiume was
asked to represent an imaginary Italian Renaissance city where modern visitors could have a pre-view of some of the masterpieces they would encounter in Italy.
In 1962 a travelling exhibition of about 100 Fiume paintings was hosted in Germany by a number of museums in various cities including Cologne and Regensburg.
In 1973, accompanied by his friend and well known photographer Walter Mori, Fiume travelled to Ethiopia where he painted a group of rocks in the Babile Valley, 40 km south-east of Harar. The rock paintings were documented in a monograph published in Italy in the same year. In 1974 the Palazzo Reale of Milan hosted a large anthological exhibition by Fiume, his first great success. On that occasion, his African Mona Lisa, now at the Vatican Museum, was presented for the first time.
In 1975 the little town of Fiumefreddo Bruzio in Southern Italy gave Fiume a free hand to revitalize its old historical center. In the following years he frescoed the interiors of the old, tumbledown castle, he painted the vault of the Chapel of San Rocco, and made two bronze sculptures for the two panoramic squares overlooking the Tirrenian Sea.
In 1985 Castel Sant'Angelo in Rome hosted another important exhibition by Salvatore Fiume.
In 1987 under the title De Architectura Pingendi, a Fiume exhibition was inaugurated at the Sporting D'Hiver Palace in Montecarlo by Prince Ranieri of Monaco.
In 1991 he was invited to exhibit his architectural projects at the International Show of Architecture in Milan. In the same year in Moscow an exhibition of his took place at the International Exhibition Center.
In 1992 Fiume exhibited at Villa Medici in Rome.
In 1993, attracted by the fascinating story of Paul Gauguin's adventurous life, Fiume travelled to the Polynesian island of Tahiti to visit the places where the great French master had died after spending so many years there. As a tribute to Gauguin's art, Fiume donated one of his paintings to the local Gauguin Museum.
Fiume's official debut as a sculptor was in 1994 at the Arte Immagine Santerasmo Gallery of Milan. His production as a sculptor includes stone, bronze, resin, and ceramic works. Some of his sculptures are of large dimensions such as the bronze statue at the European Parliament House in Strasburg, the stone group at the S.Raffaele Hospital in Rome and the bronze in the S.Raffaele of Milan, as well as the Bronze Group for the Wine Fountain at Marsala, Sicily. Two of his large bronzes belong to the Sculpture Museum of Portofino, Italy.
Fiume's first experience as stage and costume designer was with the Scala Theatre of Milan, in 1950, a collaboration which continued well into the 1960s. He also worked with other important opera houses such as the Covent Garden of London, the Teatro dell'Opera of Rome, and the Teatro Massimo of Palermo.
Fiume's talent for writing was in part sacrificed throughout his life by his overwhelming passion for the visual arts. Yet, he found time and inspiration for writing and publishing a few more novels, many short stories, nine comedies, two tragedies, and four books of poems. He also published Pagine Libere (Free Pages), a collection of unconventional writings on art and life. In 1988 his literary achievements earned him an honorary degree in Modern Literature from the University of Palermo.
His works can be found in some of the most important museums such as the Hermitage Museum of St.Petersburg, the Museum of Modern Art of New York, the Puškin Museum of Moscow, and the Museum of Modern Art of Milan.
Since 1978 an important collection of 33 paintings by Salvatore Fiume can be found in the Vatican Museums.
He died in Milan on June 3, 1997.

Source: http://www.fiume.org/english/e_homepage.htm

Biografia

Nato a Comiso, in Sicilia, il 23 ottobre 1915, Salvatore Fiume fu pittore, scultore, architetto, scrittore e scenografo. A sedici anni, grazie a una borsa di studio, entrò al Regio Istituto d'Arte del Libro di Urbino dove acquisì una profonda conoscenza delle tecniche della stampa: litografia, serigrafia, acquaforte e xilografia. Nel 1936, terminati gli studi, si recò a Milano dove conobbe artisti e intellettuali fra cui Salvatore Quasimodo, Dino Buzzati e Raffaele Carrieri, con i quali strinse amicizia. Sebbene intendesse affermarsi come pittore, Fiume ottenne il primo successo con un'opera letteraria, il romanzo Viva Gioconda!, scritto nei primi anni della guerra e pubblicato a Milano nel 1943 dall'editore Bianchi-Giovini. Alcuni anni prima, nel 1938, si era trasferito a Ivrea, presso la Olivetti, come art director di Tecnica e Organizzazione, la rivista particolarmente cara al presidente, Adriano Olivetti, alla quale collaboravano intellettuali di prestigio come Franco Fortini e Leonardo Sinisgalli. Tuttavia, per potersi dedicare completamente alla pittura, nel 1946 lasciò la Ollivetti e si stabilì a Canzo, vicino a Como, dove adattò a studio una filanda dell'Ottocento che, dal 1952, divenne anche la sua residenza.
La prima mostra fu a Milano, nel 1949, alla Galleria Borromini, dove le sue Isole di Statue e Città di Statue suscitarono molto interesse presso la critica. Ne seguì, nel 1950, l'invito della Biennale di Venezia ad esporre il trittico Isola di Statue (ora nei Musei Vaticani) che gli valse una copertina della rivista americana Life. Ma già nel 1949, durante la mostra alla Borromini, il direttore del Museo d'Arte Moderna di New York, Alfred H. Barr Jr., aveva acquistato un'opera di Fiume per il museo da lui diretto, mentre la collezione Jucker di Milano acquisiva un altro suo dipinto.
Nel 1953 le riviste Life e Time gli commissionarono, per le loro sale di riunione di New York, una serie di opere raffiguranti una storia immaginaria di Manhattan e della Baia di New York, che Fiume reinventò come isole di statue.
Fra il 1949 e il 1952, su invito dell'industriale Bruno Buitoni Sr, Fiume completò un ciclo di dieci grandi dipinti sul tema: "le avventure, le sventure e le glorie dell'antica Perugia" nei quali è evidente la lezione di maestri italiani del Quattrocento come Piero della Francesca e Paolo Uccello. I dipinti, donati dalla famiglia Buitoni alla Regione Umbria nel 1998, sono conservati a Perugia nella Sala Fiume di Palazzo Donini, aperta al pubblico.
Nel 1950 il grande architetto Gio Ponti gli commissionò un enorme dipinto (48x3 m) destinato alle pareti del salone di prima classe del transatlantico Andrea Doria. In esso Fiume rappresentò una immaginaria città rinascimentale ricca di capolavori italiani del Quattrocento e del Cinquecento. Nel 1956 l'immensa tela affondò con l'Andrea Doria al largo di Nantucket, Massachusetts.
Nel 1962 una mostra itinerante portò cento quadri di Fiume in diversi musei tedeschi toccando, fra le altre, le città di Colonia e Ratisbona.
Nel 1973, accompagnato dall'amico fotografo Walter Mori, Fiume si recò in Etiopia, nella Valle di Babile, dove dipinse su un gruppo di rocce utilizzando vernici marine anticorrosione. Per la grande antologica del 1974 al Palazzo Reale di Milano, Fiume realizzò un modello a grandezza naturale di una sezione delle rocce dipinte in Etiopia, occupando quasi interamente l'enorme Sala delle Cariatidi. Nella stessa occasione presentò per la prima volta la Gioconda Africana, ora custodita nei Musei Vaticani.
Nel 1975 la cittadina calabrese di Fiumefreddo Bruzio accolse con entusiasmo la proposta di Fiume di rivitalizzarne gratuitamente il centro storico con alcune sue opere. Così nel '75- '76 l'artista siciliano dipinse alcune pareti interne ed esterne dell'antico castello semidiroccato e nel 1977 la cupola della Cappella di San Rocco. Poi, negli anni '90, collocò una scultura di bronzo in ciascuna delle due piazze panoramiche di Fiumefreddo che dominano il mare dall'alto.
Nel 1985 tenne una grande mostra a Castel S.Angelo a Roma.
Del 1987 è l'esposizione intitolata De Architectura Pingendi allo Sporting d'Hiver di Montecarlo, inaugurata dal Principe Ranieri di Monaco.
Nel 1991 espose i suoi progetti architettonici alla Mostra Internazionale di Architettura a Milano, al Palazzo delle Esposizioni.
E' del 1992 la mostra a Villa Medici, sede dell'Accademia di Francia a Roma.
Nel 1993 Fiume visitò i luoghi di Gauguin in Polinesia e, in omaggio al grande maestro francese, donò un suo dipinto al Museo Gauguin di Tahiti.
Sebbene si fosse cimentato con la scultura fin dagli anni '40, Fiume debutta ufficialmente come scultore solo nel 1994 con una mostra alla Galleria Artesanterasmo di Milano. La sua produzione comprende opere in pietra, bronzo, resina, legno e ceramica, alcune delle quali di grandi dimensioni, come la statua di bronzo al Parlamento Europeo di Strasburgo, i gruppi in pietra degli ospedali "San Raffaele" di Milano e di Roma e il gruppo bronzeo per la Fontana del Vino a Marsala. Nel 1995 il Centro Allende di La Spezia ospitò una mostra all'aperto delle sue sculture.
La prima esperienza di Fiume nella scenografia risale al 1950, quando eseguì i bozzetti per le scene e i costumi de La Vida Breve di Manuel de Falla, un'attività che continuò fino ai primi anni '60 anche con altri teatri come il Covent Garden di Londra, il Teatro dell'Opera di Roma e il Teatro Massimo di Palermo.
Oltre a Viva Gioconda!, Fiume pubblicò altri tre romanzi, numerosi racconti, nove commedie, una tragedia e due raccolte di poesie. Il suo libro Pagine Libere, del 1994, è una raccolta di osservazioni personalissime sulla vita e sull'arte.
Nel 1988 l'Università di Palermo gli conferì la laurea ad honorem in Lettere Moderne come riconoscimento per la sua attività di narratore, poeta e drammaturgo.
Sue opere si trovano in alcuni dei più importanti musei del mondo quali i Musei Vaticani, Il Museo Ermitage di S. Pietroburgo, il MoMA di New York, il Museo Puškin di Mosca e la Galleria d'Arte Moderna di Milano.
Muore a Milano il 3 giugno, 1997.

Source: http://www.fiume.org/homepage.htm

La Splendida Zeinab by Salvatore FIUME

La Splendida Zeinab (1990)

Price EUR 0 Not sold
Estimated EUR 15,000–20,000
Kvinna I Vila by Salvatore FIUME

Kvinna I Vila

Price SEK 2,400 (€214)
Estimated SEK 800–1,000